I suoi vitalizi andranno all’Ente per il diritto allo studio di Cagliari per finanziare borse di studio per aiutare studenti meritevoli e in difficoltà economiche. Aveva deciso così Francesco Cocco, esponente sardo del Pci deceduto lo scorso dicembre, scrivendolo nero su bianco nel suo testamento. L’eredità di 450mila euro, frutto del vitalizio per la sua attività di consigliere regionale dal 1984 al 1994, verrà donata all’Ersu: 300mila euro in denaro e 150mila in titoli, vincolati alla morte della compagna.