Sono in migliaia gli studenti che questa mattina hanno riempito le piazze di tutta Italia per il Global Strike For Future, lo sciopero generale per il Pianeta lanciato dalla 16enne Greta Thunberg diventata simbolo della lotta ai cambiamenti climatici. Da Milano a Roma, da Firenze a Bari, Palermo e Bologna,”questa – dicono i ragazzi – è una piazza di giovani, di persone e non c’è nessun partito che può rappresentare le nostre lotte perché in questi anni nessun partito ha fatto niente per il clima”. “Questa manifestazione è un grido di dolore. La voglio chiamare manifestazione e non sciopero. Questi ragazzi non perdono tempo, ma lo investono”, ha detto il ministro dell’Ambiente Sergio Costa in una intervista al Corriere della Sera.

Solo a Milano gli organizzatori fanno sapere che al corteo che si è radunato in piazza Duomo sono presenti tra le 30 e le 40mila persone: “Continuiamo ad aumentare minuto dopo minuto, siamo la più grande piazza studentesca che Milano ricorda“, hanno detto gli organizzatori. “Grazie per quello che state facendo oggi, ma pensate già a quello che farete da domani – ha detto il sindaco Beppe Sala -. Testimoniare e impegnarvi è importante e dovete farlo sempre. Io vi prometto, e non è una promessa da politico che poi non mantiene, che sul tema dell’ambiente ci sarò”.