I nuovi proletari? Sono i giovani. Perché a decidere chi sale e chi scende nella scala sociale è, sempre di più, l’appartenenza a una generazione. E i nati dopo il 1970 hanno più probabilità dei loro padri di muoversi verso il basso, scivolando verso lavori a bassa qualificazione e poco pagati. Insomma: l’ascensore sociale fermo è una leggenda, ma quando i passeggeri sono trentenni e quarantenni funziona al contrario. Se ai baby boomer di famiglia operaia bastava una laurea per avere buone chance di approdare alla classe media, diventando liberi professionisti o colletti bianchi, per i loro figli è più facile scendere a un piano inferiore rispetto a quello di partenza.

A rivelarlo sono i risultati di quattro indagini Istat, l’ultima delle quali ancora inedita, esaminati dai sociologi Marzio Barbagli e Maurizio Pisati. Ve li raccontiamo nel nuovo numero di Fq Millennium, il mensile diretto da Peter Gomez in edicola da domani, dedicato alla “fine della borghesia”. A sorpresa, questi studi mostrano che la mobilità non è in calo, anzi. La novità è che per i giovani – ma nella categoria sono compresi pure gli ultraquarantenni – prevale quella discendente. E anche rimanere ai piani alti della piramide è diventato più difficile. Le conseguenze sono tutt’altro che marginali, perché l’appartenenza di classe non è affatto che un cimelio buono per la soffitta: continua ad avere un impatto diretto sul livello di benessere economico, sul rischio di disoccupazione, ma anche su condizioni di salute e aspettativa di vita.

“Padri e madri di classe alta e media non riescono più a garantire ai figli un destino uguale al proprio”, commenta Antonio Schizzerotto, docente di Sociologia all’Università di Trento. Un paradosso tutto italiano, perché negli altri Paesi avanzati i posti di lavoro ad alta specializzazione, quelli che garantiscono redditi alti e spalancano le porte della borghesia, sono aumentati di pari passo con quelli poco qualificati. Così l’età di per sé ha finito per diventare “un fattore generativo di disuguaglianza”. Ovvero? “Un over 50 con un’occupazione intellettuale ha avuto un primo stipendio che oggi nessun nuovo assunto riceve e ha fatto una carriera che un giovane entrato con il contratto a termine probabilmente non riuscirà mai a fare, perché avrà un percorso discontinuo”.

Lo dimostrano le storie di professionisti precari raccolte da Fq Millennium: architetti, avvocati, medici che lavorano a partita Iva e a fine mese, quando va bene, portano a casa 1.500 euro lordi. Circa 5 euro netti all’ora. Il cardiochirurgo che campa con le guardie mediche arriva a 16 euro netti, poco più di una colf in nero.

Gli effetti si vedono nei dati che descrivono lo stato di salute della società italiana. Sul mensile ci aiuta a ricostruirli Linda Laura Sabbadini, pioniera delle statistiche sociali e di genere, che ha diretto il Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali dell’Istat fino a quando nel 2016 l’allora presidente Giorgio Alleva lo ha cancellato. “Rispetto a prima della crisi, il tasso di occupazione dei 25-34enni è diminuito di quasi dieci punti mentre quello degli over 50 saliva di 14. E abbiamo 500 mila giovani adulti tra i 30 e i 34 anni che non hanno mai lavorato: rischiano di diventare degli esclusi permanenti non solo dal lavoro, ma anche dalla possibilità di costruirsi una vita”.

Il risultato è che l’incidenza della povertà oggi è molto più alta tra bambini e giovani che tra gli anziani. Un milione e 200 mila minorenni fanno parte di famiglie che non sono in grado di comprare beni e servizi indispensabili per una vita accettabile. “Un bambino che vive per anni in povertà”, avverte Sabbadini, “ha molte probabilità di restare povero da grande: accumulando svantaggi fin da piccolo vede ridursi le proprie chance di mobilità sociale”. E il circolo vizioso non si spezza.