TREVIGLIO: un lascito al Comune di 6 milioni perche si facciano Case Popolari

TREVIGLIO: un lascito al Comune di 6 milioni perche si facciano Case Popolari

Lascia sei milioni al Comune «Fateci case per gli invalidi»

Il palazzo comunale di Treviglio

Lascia sei milioni al Comune
«Fateci case per gli invalidi»

Il lascito di Carla Giuliani, 88 anni, erede della Drogheria Giuliani a Treviglio. Aperto il testamento: non aveva eredi diretti.
CliccaIl padre lo chiamavano «Gambù», perché aveva una menomazione a una gamba: infatti, a Treviglio, chi andava nella sua fiorente bottega all’inizio di via Roma, angolo viale Vittorio Emanuele (oggi viale del Partigiano), di fronte allo storico mulino, riferiva di andare alla «Drogheria del Gambù». A distanza di decenni, la figlia di Achille Giuliani, Carla, morta a 88 anni nei giorni scorsi per un malore improvviso nella sua casa di Treviglio e senza eredi diretti, ha deciso di lasciare tutti i suoi beni al Comune di Treviglio, con il vincolo, però, di far realizzare, nei terreni di sua proprietà, abitazioni per invalidi.

E si tratta di una cifra, tra conti correnti e proprietà, che supererebbe – stando ai ben informati – i 6 milioni di euro. Non solo: nel testamento olografo aperto nei giorni scorsi davanti al notaio Stefano Finardi, la pensionata – vedova del marito Alberto Caffetti (scomparso il 7 giugno 2011, lasciandola erede universale del loro ingente patrimonio) – lascia anche 50 mila euro alla chiesa di San Francesco, nel quartiere Ovest dove viveva, «per Messe perpetue» a ricordo suo, del marito, del padre Achille e di altri conoscenti di famiglia

Mario Foglieni
Mario Foglieni
Classe 1946 - Maschio - Bergamasco - Pensionato dal 1999 - metà tempo in Italia e metà tempo in Croazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *